Il meneghino Maurizio Cucchi è un grande poeta. Ci siamo conosciuti una vita fa, giovani studenti universitari. Ogni domenica ci recavamo in via Melchiorre Gioia, dove si trovava un’agenzia giornalistica sportiva diretta dal mio padrino Massimo Della Pergola, l’inventore della Sisal. Dovevamo scrivere a tamburo battente articoli destinati ai quotidiani di provincia su calcio (ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I numeri che la Lega di serie A nasconde

prev
Articolo Successivo

Se si attacca il modello Riace mi fanno girare i “cabassisi”

next