Tra le stranezze dell’inchiesta sulle tangenti nigeriane la più strana riguarda Karina Litvack, 55enne canadese, consigliere d’amministrazione dell’Eni nella lista di minoranza presentata dai fondi comuni. Il 28 luglio scorso il cda l’ha esclusa dal Comitato controllo e rischi che si occupa tra l’altro di seguire l’inchiesta milanese. Da allora Litvack – considerata una rompiscatole […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Scandali, Descalzi troppo morbido”. E Zingales lasciò Eni

prev
Articolo Successivo

Quella segnalazione ignorata nel 2010

next