Qualcosa non ha funzionato nei meccanismi interni anti-corruzione di Eni. O forse qualcuno non ha voluto che funzionasse, almeno per quanto riguarda la vicenda del giacimento nigeriano Opl245 al centro di quella che i pm di Milano considerano una corruzione internazionale da un miliardo di dollari. Il 7 ottobre 2014 un ex dirigente di Eni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La consigliera scomoda emarginata senza prove

prev
Articolo Successivo

Corruzione fra privati, il decreto non piace ai pm

next