Iin piazza Duomo piangono gli occhi e piange, disperatamente, il cielo. Dario non passa inosservato nemmeno al suo funerale: difficile immaginare che potesse essere confortevole il suo ultimo saluto, l’addio a un uomo che – con buona pace dei mediocri – è stato tutto fuorché consensuale. Davanti alla cattedrale si affollano ombrelli, dispiaceri, abbracci, molti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Renzi-Boschi, è faida. Il premier non si fida più: sms, urla, divieti e voltafaccia. “Non so più come fare”

prev
Articolo Successivo

Una storia difficile: “Ora non ve la cavate solo con una targa…”

next