Abbiamo scherzato: nessun reato. Tre anni dopo si scopre che nella Banca Popolare di Spoleto (Bps) non è successo niente: niente associazione a delinquere, né appropriazione indebita, niente ostacolo alla Vigilanza, né intermediazione usuraria, né bancarotta, né gli altri reati minori scaricati su 34 indagati tra ex vertici e funzionari della banca e qualche imprenditore. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Ormai Il Cairo è il regno dell’arbitrio”

prev
Articolo Successivo

A cosa serve ancora la Gabanelli

next