Alle cinque della sera del prossimo 16 ottobre dovrebbe concludersi il Mondiale di ciclismo su strada a Doha, nel Qatar, il primo del Medio Oriente. Il campionato iridato prevede centocinquanta chilometri iniziali tra il deserto e la costa, falcidiati da sole e vento, poi sette volte un circuito cittadino (15,2 chilometri) nell’isola artificiale The Pearl, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cara Lorenzin, sono davvero incavolata: questi slogan mi offendono

prev
Articolo Successivo

La Settimana Incom

next