“L’accusa è cadutadentro una trappola mentale: si chiama wishful thinking, pensiero illusorio, si segue una credenza e si ignora tutto ciò che la contraddice”. Nell’aula bunker di Palermo l’avvocato Francesco Centonze ricorda che “la Trattativa non ha nessun rilievo penale”, contesta radicalmente l’esistenza di una minaccia veicolata dal suo assistito Marcello Dell’Utri fino al cuore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Nessun finanziamento illecito, Claudio Scajola è assolto e oggi si candida al Comune

prev
Articolo Successivo

Stalking, la legge non fa in tempo e il persecutore è “salvato”

next