“Racconto ancora i diciottenni, saranno sempre più fragili”

Gabriele Muccino - Il regista romano e il nuovo “L’estate addosso”, decimo lavoro della sua carriera
“Racconto ancora i diciottenni, saranno sempre più fragili”

Due ignari adolescenti italiani, un viaggio americano che li cambierà per sempre, la libertà, i pregiudizi, la scoperta, il dolore, l’eterno studio sull’età acerba di Gabriele Muccino, 50enne tra un pugno di mesi per mero dato anagrafico: “Volevo girare un film su un passaggio esistenziale che è forse il più tremendo in assoluto. Fino a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.