Leone d’Oro filippino. L’ha addomesticato Lav Diaz, con il magnifico The Woman Who Left. I cinefili brindano, ma Alberto Barbera, direttore della Mostra, e Paolo Baratta, presidente della Biennale, sono in sciopero della sete: mirabili inquadrature fisse, bianco nero d’artista e tempo filmico delegato alla nostra stessa esperienza fisica (dura tre ore e 45 minuti!), […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Racconto ancora i diciottenni, saranno sempre più fragili”

prev
Articolo Successivo

Caro Rocco, ci piacevi così: perché vuoi essere il Recalcati dell’orgia?

next