Due ignari adolescenti italiani, un viaggio americano che li cambierà per sempre, la libertà, i pregiudizi, la scoperta, il dolore, l’eterno studio sull’età acerba di Gabriele Muccino, 50enne tra un pugno di mesi per mero dato anagrafico: “Volevo girare un film su un passaggio esistenziale che è forse il più tremendo in assoluto. Fino a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quando nell’aureola della Madonna c’era scritto “Allah”

prev
Articolo Successivo

Leone d’oro a Lav Diaz: con lui un capolavoro non da cinema

next