Milano, altro che centro culturale: uffici e negozi in casa Feltrinelli

Doveva essere il Beaubourg del capoluogo lombardo. Poi il progetto è cambiato: una parte a Microsoft, un’altra più commerciale. Il ruolo del nuovo Ligresti, Manfredi Catella
Milano, altro che centro culturale: uffici e negozi in casa Feltrinelli

Il nuovo edificio della Fondazione Feltrinelli, con le sue grandi lastre di cristallo tra le nervature bianche, ormai è ben visibile tra via Crespi e viale Pasubio. È cresciuto sul terreno – proprietà della famiglia Feltrinelli – che un tempo ospitava il vivaio Ingegnoli. Dove si faceva la fila per comprare piante, fiori e alberi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.