“Io, Nanni e i Gufi: il colonnello patriota e quelle 8 mila lire”

Lino Patruno - spadellati - “Se questa è la cucina italiana mi vergogno di fare il cuoco”: così Simone Rugiati ha stroncato il ristorante “Sushi su”. Ma non è cibo giapponese?
“Io, Nanni e i Gufi: il colonnello patriota e quelle 8 mila lire”

È tutta colpa di Didi. Lino Patruno, l’unico dei Gufi che sapeva suonare davvero la chitarra, racconta: “Era il 1964. Ero fidanzato con una ragazza molto carina, Didi Martinaz, cantante e attrice. Una sera andiamo a cena al Capitan Kid, accanto al Duomo di Milano. Didi mi dice: ‘Vengono anche alcuni amici’. Così io mi trovo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.