";
» Cronaca
venerdì 15/12/2017

Gianni Infantino: così il gran capo della Fifa insabbiò la Calciopoli turca

Potere - Ecco le lettere tra Infantino – all’epoca segretario generale Uefa – e la Federazione di Istanbul per salvare il campionato dallo scandalo corruzione

Nell’estate di sei anni fa, in Turchia ci fu una retata che portò il calcio in galera: decine di arresti, 16 società e più di 90 tesserati coinvolti, corruzione trasversale per falsare i risultati del campionato 2010-2011 e persino munizioni e armi. Al centro dell’inchiesta c’era il blasonato Fenerbahçe, che vinse il torneo truccando diverse partite. Per anni, da quell’estate, le autorità sportive internazionali hanno ripetuto il solito ritornello della “tolleranza zero”. Il raffinato avvocato italo-svizzero Gianni Infantino, all’epoca segretario generale della Uefa e da quasi un biennio gran capo della Fifa, lo ripete ancora. Ma è proprio Infantino – il moralizzatore chiamato a purificare il calcio dopo le stagioni di Sepp Blatter – che ha insabbiato la Calciopoli ai tempi di Recep Tayyip Erdogan, finita con un’amnistia totale, niente penalizzazioni né retrocessioni. E lo dimostra lo scambio di lettere tra Infantino e Ebru Köksal, segretaria generale della Federcalcio di Istanbul e dunque interlocutrice del dirigente Uefa.

Köksal scrive una lettera diretta a Infantino il 19 gennaio 2012 per sondare la disponibilità di Nyon a ignorare le manovre turche per salvare le squadre più titolate e i tesserati più influenti.

In quel momento, la federazione di Istanbul era divisa fra chi voleva applicare sanzioni severe e chi voleva allestire una pantomima per non macchiare il pallone turco. Va ricordato che la Turchia si era candidata a ospitare l’Europeo 2020 e la Uefa frequentava con assiduità la capitale sul Bosforo per eventi diplomatici. Köksal informa l’italo-svizzero di un “congresso straordinario” in programma per il 26 gennaio: l’occasione perfetta per stravolgere le regole e proteggere i corrotti.

La segretaria generale anticipa a Infantino le punizioni calmierate e domanda: “Costituisce una violazione dello statuto Uefa o di altri regolamenti Uefa e, a tale riguardo, l’Uefa potrà comminare eventuali sanzioni alla federazione calcistica turca, alle squadre nazionali o ai club?”. Köksal poi sciorina un prontuario di sanzioni, neanche ancora discusso in federazione, ma prima sottoposto al parere di Infantino: viene esclusa la retrocessione in seconda categoria di società da milioni di tifosi (e di interessi) come Besiktas o Fenerbahçe, si prevedono penalizzazioni di almeno 12 punti in classifica e multe dai 2 milioni ai 10 milioni di lire turche, cioè al massimo 2 milioni di euro. Un buffetto. Soltanto l’esclusione dalle coppe, decretata già nel 2011, resta valida. Con un linguaggio felpato, Infantino risponde subito, il 20 gennaio e autorizza la Federcalcio a modificare il regolamento dopo fatti molto gravi e accertati l’anno prima: “Sebbene riteniamo che questo problema sia principalmente di competenza della federazione turca, possiamo dire, a nome dell’Uefa, che tenendo conto di tutte le circostanze, la vostra proposta sembra costituire una risposta ragionevole, proporzionata e responsabile per affrontare la questione”.

Infantino rassicura pure sul futuro: “A nostro avviso, l’applicazione delle sanzioni così descritte non costituirebbe una violazione degli statuti e dei regolamenti dell’Uefa. L’unica condizione che vorremmo aggiungere è che l’interpretazione degli statuti e dei regolamenti dell’Uefa è in definitiva una questione la cui decisione spetta agli organi giudiziari indipendenti dell’Uefa. Ciononostante, in questa fase, ciò che possiamo dire è che, a condizione che le sanzioni proposte siano effettivamente attuate, non ci aspetteremmo alcuna necessità di ulteriori procedimenti da parte della Uefa per affrontare questa particolare questione”. E poi saluta: “Fateci sapere”. Il patto è siglato.

Il 31 gennaio si dimette il presidente Mehmet Ali Aydinlar contestando la linea di Köksal e colleghi: il calcio turco rischiava di scomparire senza l’intervento della signora del pallone supportato da Infantino. La Federcalcio va avanti e anche oltre: corregge il temuto articolo 58 e, con le sentenze del 6 maggio 2012, non punisce nessuno, tranne un paio di dirigenti minori. Infantino si dimentica dell’accordo, non di rivendicare il suo integerrimo comportamento. Da sei anni, da quell’estate, il Trabzonspor spedisce ricorsi all’Uefa per ottenere il titolo scippato dal Fenerbahçe e un risarcimento milionario. Nyon ha sempre respinto gli avvocati della squadra di Trebisonda. Tre mesi fa, invece, il Trabzonspor si è rivolto di nuovo alla Fifa. E Infantino fischietta. Ancora una volta.

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Le repliche

Il numero 1 del calcio: “Siamo stati severi” Nyon: “Niente patti”

I documenti alla base di questa inchiesta sono condivisi anche con Le Monde e The Guardian. Riportiamo di seguito la replica di Gianni Infantino sulla Calciopoli turca e la sua azione di controllore, inviata al giornale francese. Infantino, all’epoca dei fatti, nel 2012, era segretario generale dell’Uefa. Dal febbraio 2016, invece, è il capo del calcio mondiale alla Fifa: “Ciò che la Uefa e io personalmente abbiamo fatto contro le combine parlano da sole. Ed è particolarmente il caso che riguarda la Turchia dove 4 club sono stati esclusi dalle competizioni Uefa. Al tempo, la Uefa era in prima linea per sradicare le combine mettendo in atto misure pionieristiche (mai usate prima). Sono state avviate e implementate strette collaborazioni con la polizia e le autorità giudiziarie. Infine, sono state prese decisioni severe, che sono poi state confermate incondizionatamente da entità giudiziarie tra cui la Corte per l’arbitrato dello sport. Questi sono i fatti e sono chiari”. A proposito del fatto, invece, che la Uefa abbia deciso di non intervenire, i portavoce di Nyon spiegano sempre a Le Monde che: “Nello statuto dell’Uefa concernente le sanzioni da comminare in caso di combine non c’è un regolamento standard. Ogni caso deve esser giudicato a parte sulla base dei fatti riscontrati e delle circostanze. Inoltre, come spiega la lettera di Gianni Infantino del 20 gennaio 2012, ‘il trattamento di tale questione coinvolge principalmente la Federazione turca’. Secondo il principio di autonomia delle varie federazioni, le istanze disciplinari indipendenti dell’Uefa hanno il solo potere d’imporre delle sanzioni applicabili alle competizioni Uefa. (…) inoltre la lista delle sanzioni menzionate dalla Federazione turca nella lettera del 19 gennaio 2012, è conforme alle misure disciplinari della Uefa sui match truccati”. A proposito della dichiarazione dell’ex presidente della Federazione turca Mehmet Ali Aydinlar su “negoziati” con i dirigenti Uefa che infantino avrebbe accettato di mettere per iscritto “L’Uefa non è a conoscenza di alcun accordo, né di discussioni o ‘negoziati’”.

Politica

I Servizi segreti smontano la bufala delle fake news

Cronaca

Erdogan & Infantino, un sodalizio con vista sugli Europei 2024

Non c’è il “garante”, premiata l’assessora
Cronaca
Il caso

Non c’è il “garante”, premiata l’assessora

di
Il cartello avvisa: manichino in guerra
Cronaca
La polemica

Il cartello avvisa: manichino in guerra

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×