Che noia la storia della privacy, per capire bisogna sapere tutto

In uscita quella su Hitchcock e una sulle star di Hollywood: ma il motivo per cui le leggiamo è la speranza di scoprire aspetti imbarazzanti o disgustosi
Che noia la storia della privacy, per capire bisogna sapere tutto

Parliamoci chiaro: il motivo per cui leggiamo biografie è la speranza di trovarvi gli aspetti imbarazzanti o disgustosi delle vite dei grandi personaggi. Io voglio sapere che Napoleone (secondo Hippolyte Taine) era un egolatra narcisista che non faceva che lamentarsi per il caldo e rivolgeva parole spiacevoli alle signore durante i ricevimenti; che Paolo Uccello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.