Cancellate la parola “ex”, è letale quanto i proiettili di un plotone

La qualifica è inesorabile, generazionale e anagrafica. Traccia un confine terribile: chi è dentro e chi, invece, è ormai fuori. Chi “è stato” e ora non è “più come prima”
Cancellate la parola “ex”, è letale quanto i proiettili di un plotone

Ex. Preposizione di antica nobile origine latina, il che non le impedisce di esercitare un retaggio lessicale barbaro e violento, discriminante e pregiudizioso. Da cancellare. Perché? I motivi sono tanti. Il primo è di carattere fonetico: la sua militaresca brevità – una vocale, una consonante – le consente d’essere tagliente come la sciabola dell’ufficiale che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.