Bpm-Banco di Verona viaggi pagati ai soci per dire sì alla fusione

Denuncia in Procura: l’Ad Castagna sta manovrando per influenzare il voto dei 7.700 dipendenti. Il 12 ottobre l’assemblea decisiva per l’operazione tanto cara a Renzi
Bpm-Banco di Verona viaggi pagati ai soci per dire sì alla fusione

L’avvocato Rocco Nanna, presidente di un comitato di piccoli azionisti “non dipendenti” della Banca popolare di Milano, per evitare equivoci ha spedito la sua lettera, oltreché alla Bpm, anche a Consob, Bankitalia e Procura della Repubblica di Milano. L’accusa all’amministratore delegato Giuseppe Castagna è grave: il manager starebbe offrendo ai dipendenti-soci sparsi per l’Italia viaggio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.