“Voglio una pena esemplare per chi ha ucciso mia figlia”

Dopo un femminicidio. Parla la mamma di Giordana Di Stefano, assassinata a 20 anni nel 2015 a Catania con 48 coltellate dall’ex fidanzato

Quando ho visto l’assassino di mia figlia non riuscivo a smettere di guardargli le mani. Quelle mani che me l’hanno ammazzata”. L’assassino, quello con le mani che hanno inferto 48 coltellate, si chiama Luca Priolo. La mamma che dopo un anno ha deciso di raccontare lo strazio di sopravvivere all’omicidio di una figlia, si chiama […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.