» Italia
martedì 04/04/2017

Bollette, 24 milioni di consumatori resteranno senza tutela. In balia dei venditori di elettricità

Lo prevede il disegno di legge concorrenza, che sta per approdare in aula al Senato e spacca il Pd. Favorisce Sorgenia, guidata da Chicco Testa e di cui è grande azionista Mps, e la francese Edison. Ma penalizza i clienti: secondo l'authority di settore chi ha cambiato gestore paga in media il 20% in più

Il governo Gentiloni vuole imporre all’Italia la libera concorrenza a colpi di voti di fiducia. Ma il disegno di legge concorrenza che va in aula al Senato sta spaccando lo stesso Pd. Il relatore Salvatore Tomaselli vuole che il testo torni in Commissione. Gli scissionisti di Articolo 1-Mdp, guidati in questa vicenda da Pier Luigi Bersani, stanno contrattando il loro voto di fiducia chiedendo concessioni al ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda che sta scrivendo il maxi-emendamento per il voto di fiducia.

Non si capirebbe tanta agitazione senza guardare ai contenuti della legge, e in particolare a quello più discutibile: in nome di una febbre liberalizzatrice si vogliono prendere 24 milioni di piccoli consumatori di elettricità fino a oggi serviti dalla tariffa base detta “di maggior tutela” e scaraventarli nel mercato libero, in balia di 400 rivenditori di elettricità che si contendono a colpi di imbrogli e bugie i clienti da spennare facendo pagare loro l’elettricità più di prima.

Quando è stato liberalizzato il mercato elettrico è stato istituito l’Acquirente Unico, ente pubblico che compra l’elettricità all’ingrosso per le famiglie e le imprese che non hanno scelto un nuovo fornitore in regime libero ma si sono tenute il vecchio. In pratica lo Stato ha costituito un gigantesco gruppo d’acquisto con 24 milioni di partecipanti che riesce a spuntare il prezzo più basso. I 12 milioni di utenti che hanno ceduto alle asfissianti telefonate dei call center che ti promettono mirabolanti risparmi pagano l’elettricità il 20 per cento in più, secondo dati dell’Autorità per l’energia contestati dagli uomini di Calenda.

Comprensibile che solo un terzo dei consumatori italiani abbia scelto il libero mercato. Meno comprensibile la ragione per cui il governo ha deciso una polpottiana liberalizzazione forzata: dal 1 luglio 2018 finisce il regime di maggior tutela e i 24 milioni di renitenti alla concorrenza, se non avranno scelto un nuovo fornitore entro quella data, verranno consegnati in massa a un unico fornitore che praticherà tariffe così alte da rieducarlo al culto del libero mercato. È scritto nel testo su cui Calenda vuole mettere la fiducia: “A condizioni che incentivino il passaggio al mercato libero”.

Per Gianni Girotto e Gianluca Castaldi, senatori M5S, “l’eliminazione del mercato elettrico tutelato avrà il solo effetto di far impennare il costo della bolletta per milioni di famiglie e imprese”. Ma lo stesso Bersani, insospettabile in quanto padre della liberalizzazione elettrica, ha denunciato pochi giorni fa che si sta puntando “a superare l’acquirente unico in una forma che crea un’ottima occasione per qualche azienda e un rischio serio per i piccoli consumatori”. Si noti di passaggio che secondo dati dell’Autorità per l’Energia un italiano normodotato impiegherebbe circa 6 ore a capire che cosa c’è scritto nella sua bolletta elettrica, e quindi dovrebbe prendere qualche giorno di ferie per studiare la convenienza di un passaggio che nel migliore dei casi (secondo il governo) gli consentirebbe un risparmio del 5-10 per cento sulla bolletta.

Le aziende che guardano alla “ottima occasione” sono Sorgenia e Edison, le uniche società grosse a non avere una propria rete di distribuzione. La prima, oggi presieduta dal renziano Chicco Testa, per un soffio mancato ministro dello Sviluppo economico quando fu poi preferito Calenda, è quanto resta dell’avventura elettrica della famiglia De Benedetti. Schiacciata sotto la mole di 2 miliardi di euro di debiti, la società è stata abbandonata al suo destino dai De Benedetti ed è finita tra le braccia delle banche creditrici, capitanate dal Monte dei Paschi esposto per oltre 600 milioni. In pratica la liberalizzazione forzata di Calenda potrebbe aiutare il risanamento di Mps a spese di qualche milione di famiglie.

La Edison è controllata da Edf, il monopolista francese dell’elettricità. Insieme a Sorgenia puntano a fare man bassa delle aste con cui il governo affiderebbe pacchetti di milioni di clienti al miglior offerente. Ma sui dettagli non si sa niente perché la legge su cui si vorrebbe votare la fiducia rimanda a un non meglio precisato decreto ministeriale con le regole per il passaggio dalla maggior tutela alla tutela zero. Dicono i maligni che questo regalo alla Edf, cioè al governo francese, varrebbe come risarcimento ai francesi per l’emendamento anti-Bolloré vivacemente chiesto da Silvio Berlusconi in vista delle trattative sulla legge elettorale. Ma è una lettura troppo complottista. Per criticare la legge concorrenza basti notare che rende meno contendibili le società quotate in Borsa.

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
Veneto banca, rosso 1,5 mld

Istituti veneti, la Bce dice sì agli aiuti di Stato

Svolta in Europa nella trattativa sul salvataggio delle banche venete. La Bce ha giudicato solvibili la Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, riconoscendo la sussistenza di uno dei requisiti fondamentali per l’accesso agli aiuti di Stato, chiesti dalle due banche lo scorso 17 marzo per scongiurare il rischio di un bail in. La vigilanza della Bce avrebbe anche determinato il fabbisogno di capitale degli istituti, calcolato sulla base dei risultati raggiunti nello scenario avverso dello stress test dello scorso luglio. Il dato dovrebbe essere stato già comunicato a Bankitalia e al Tesoro, che provvederà a girarlo alle banche. Nel loro piano industriale, che prevede una fusione entro l’anno, Bpvi e Veneto Banca avevano calcolato un fabbisogno di capitale di 4,7 miliardi, che qualcuno non esclude lievitare poco sopra i cinque miliardi. Il rischio sembra attenuato anche se le banche dovranno fare un piano industriale per il ritorno alla redditività e l’uscita dello Stato nel medio termine. La Commissione Ue, comunque, detterà condizioni dure sul fronte del taglio dei costi: dopo gli 1,9 miliardi di rosso registrati dalla Vicenza giorni fa, ieri è stata Veneto Banca ad approvare i conti 2016, chiusi con una perdita di 1,5 miliardi.

Italia
I dati istat

Lavoro, Renzi esulta ma aumentano solo inattivi e over 50

Il copione è il solito. L’Istat dà i numeri del lavoro e, se c’è, Matteo Renzi prende il lato che gli piace e ne dà il merito al jobs act. Ieri ha esultato per i dati Istat di febbraio: “Possono dire tutto quello che credono: ma il Jobs Act funziona, ormai negarlo è impossibile amici”, ha scritto l’ex premier Matteo Renzi nella sua e-news. Cosa dicono? Tra le altre cose che la disoccupazione giovanile ha toccato il livello più basso, scendendo dell’1,7% al 35,2%, da agosto 2012. Il problema, però, è che il calo è quasi totalmente spiegabile con l’aumento degli inattivi, quelli che non hanno un lavoro e non lo cercano nemmeno (altrimenti sarebbero considerati disoccupati). Negli ultimi tre mesi – ha fatto notare Francesco Seghezzi di Adapt – i disoccupati under 24 sono calati di 86 mila unità, mentre gli inattivi della stessa fascia d’età sono aumentati esattamente di 86 mila unità. Significa che molti disoccupati hanno smesso di cercare lavoro finendo tra gli scoraggiati. Rispetto a gennaio, l’occupazione è rimasta stabile: +7 mila occupati. Problema: nell’ultimo anno sono aumentati quasi solo quelli over 50 (+402 mila), mentre sono calati quelli nella fascia 25-34 (-17 mila) e 35-49 (-106 mila).

Mondo

Diciotto anni di sangue

Italia

La svendita è servita Guttuso, Burri & C. al miglior offerente

Insulti e svastica: oltraggiata la lapide per la scorta di Moro
Italia
Roma - La scritta è comparsa martedì notte

Insulti e svastica: oltraggiata la lapide per la scorta di Moro

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×