21 agosto ’68, la preistoria del Mostro di Firenze

È notte, nella campagna di Signa qualcuno spara. Due persone vengono freddate in auto: sono Barbara Locci e Antonio Lo Bianco, madre e zio di Natalino. Il bimbo trova riparo in un casolare lì vicino È il caso zero: ma nessuno lo sa
21 agosto ’68, la preistoria del Mostro di Firenze

Da oggi, ogni mercoledì, torniamo sul caso irrisolto del Mostro di Firenze, partendo dal duplice omicidio di 50 anni fa che in pochi collegarono a lui. Ha sei anni. È fuori da un casolare in aperta campagna. È buio nero. Ma lui non appare spaventato. Bussa. Più volte. Poi scandisce bene, con calma: “Aprimi l’uscio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.