Vizi semantici

Quando la lingua è tossica, Covelli: “Verso le donne insulti, sfottò e benaltrismo”

"Argomentare è diabolico" - La studiosa analizza il linguaggio utilizzato, specialmente nei confronti dell'universo femminile e delle minoranze. E sullo schwa afferma: “Mi sembra una soluzione interessante. L’importante è parlarne con onestà intellettuale, evitando sbeffeggiamenti e argomenti fantoccio”

11 Luglio 2022

Attacchi ad personam, fallacie logiche di ogni tipo utilizzate contro istanze femministe, mancata declinazione al femminile di ruoli e mestieri, ridicolizzazione dello schwa, retorica della eccezionalità: purtroppo il nostro linguaggio è attraversato da forme tossiche ricorrenti e contagiose, che colpiscono tutti e in particolare le donne. Le analizza la studiosa Roberta Covelli nel suo libro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione