Mai più massaggi, ma un posticino nelle liste di Enrico Michetti, a Roma, nello sterminato Municipio IV (da San Pietro a Selva Candida). L’ex soubrette brasiliana Regina Profeta era passata alla cronaca (giudiziaria) come l’organizzatrice della “sala massaggi” per Guido Bertolaso al Salaria Sport Village, nell’epoca dorata della Protezione civile Spa. Il processo dimostrò infondata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

L’aspirante sindaco Calenda campione d’assenze in Europa

prev
Articolo Successivo

“Candidato o assessore non importa: voglio ancora essere utile”

next