Caso letterario

Maaza Mengiste, detective letteraria: “Così ho scoperto le donne della guerra d’Etiopia”

Con il suo secondo romanzo, Il re ombra (Einaudi), sulla resistenza all'occupazione italiana dell'Etiopia nel 1935 è stata finalista al Booker prize. Pensava che scrivere di guerra avrebbe significato parlare soltanto di uomini. Poi però ha trovato alcuni indizi di una presenza femminile nell'esercito etiope. E ha cominciato a seguire le tracce.

11 Agosto 2021

Voleva scrivere un romanzo sulla resistenza etiope all’occupazione italiana del 1935. Ha imparato l’italiano, si è trasferita a Roma e ha passato un anno negli archivi di Stato. Però poi si è ritrovata tra le mani una scoperta inattesa: i resoconti ufficiali della guerra d’Etiopia hanno completamente rimosso il protagonismo delle donne combattenti (a volte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione