A testa bassa. Nascosto. Malamente, goffamente nascosto dietro il volante della sua lucidissima Fiat. Anno 1980, Gianni Agnelli era il più osannato, cercato, imitato uomo del Paese. Lui ne godeva, la sua vanità si alimentava anche nelle piccole provocazioni rivolte al destino, o semplicemente nella sua sfida quotidiana per dimostrare il livello di potere; così […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Sanguina ancora” Dostoevskij

prev
Articolo Successivo

“Marx può aspettare”, Marco no: un Bellocchio da Palma d’Oro

next