Lo chiameremo Andrea. È il nome di fantasia con il quale copriremo l’imprenditore caseario di Vico Equense taglieggiato dal clan dei Casalesi e costretto ad accumulare crediti senza protestare. Una dimostrazione vivente che la presunta impermeabilità della costiera sorrentina alle infiltrazioni della camorra è una chiacchiera da bar. Una leggenda priva di fondamento. Il verbale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

40 miliardi in azioni per la parità di genere: l’impegno di governi e privati (26 anni dopo Pechino)

prev
Articolo Successivo

Il Fatto di domani. Ddl Zan, respinto l’attacco dei due Matteo. Il “green” di Cingolani: per la Camera fa il minimo indispensabile

next