C’è un momento in cui l’allora capo del Dap sembra esser informato che nel penitenziario di Santa Maria Capua Vetere qualcuno “doveva aver esagerato durante le operazioni di perquisizione del 6 aprile 20”. Gli “rappresentò, adombrò” “la sua convinzione” il provveditore campano alle carceri Antonio Fullone “in tempi che non riesco a contestualizzare, durante una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’ex Br Faranda: “Noi, Nar e 007 in via Gradoli? Fu coincidenza”

prev
Articolo Successivo

Haiti: come ti ammazzo il Presidente

next