“Sono assatanato della morte. Incuriosito dall’idea dell’aldilà. Che cosa c’è nell’aldilà?”. Secondo me per Carlo Rossella, il propagandista servile dell’età berlusconiana, c’è il Purgatorio. Perché mi dai del propagandista? Sono stato suo amico. La politica non mi ha mai coinvolto, infatti a un certo punto l’ho mollato. Giornalista viaggiatore, anche cronista della bellezza, raffinato esegeta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Contagi e morti, in 24 ore i numeri più bassi del 2021

prev
Articolo Successivo

Chiesa, la rivoluzione di Francesco non risparmia i media: la prima volta di un editorialista “papale”

next