Su quanti mani è stata poggiata la lastra di travertino con il nome sbagliato dell’ex presidente Ciampi? Oltre lo scalpellino, quanti occhi (gli addetti alla toponomastica del comune di Roma e del servizio del Cerimoniale) hanno visto e non hanno corretto l’errore (Azelio anziché Azeglio) prima che l’evento (l’intitolazione di uno slargo) finisse sepolto dall’imbarazzo? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Profeti nazionali. Sovranismo: il vuoto delle idee e l’àncora dei patrioti veri (quando l’Italia non c’era)

prev
Articolo Successivo

“Il rock, che noia!”. Arto, il contaminatore

next