È il classico gol nei minuti di recupero. Una doppietta, anzi, considerato il numero degli interrogatori – due, appunto – che Fabrizio Centofanti ha reso in procura, di sua spontanea volontà, il 1º e il 9 giugno. Ed è l’ennesimo colpo di scena nel “caso Palamara”. Centofanti è l’imprenditore che ha pagato viaggi a Luca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il teste anti-Eni e quelle prove mai depositate: indagati i pm

prev
Articolo Successivo

L’ultima relazione su Brusca: ecco perché è libero

next