Una sanatoria strutturale che in un colpo solo riesce a riformare il reclutamento degli insegnanti, sistemando i precari della scuola. In più, la rinuncia a qualsiasi risoluzione in tempi brevi del problema delle aule sovraffollate (in continuità, va detto, con l’impostazione precedente), lasciandone la gestione alla progressiva denatalità che sta interessando l’Italia. Secondo quanto si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Recovery, ritorna la task force dei trecento

prev
Articolo Successivo

Le 2500 pagine. Il testo completo in Parlamento

next