Le sorprese della politica sono infinite. Come quella di trovare nel documento esteso del Piano di ripresa e resilienza (Pnrr, il Recovery plan), di circa 2.500 pagine, che il governo ha inviato al Parlamento, una delle pietre dello scandalo utilizzate per far cadere il governo Conte. Ricordate la vicenda della task force da 300 funzionari […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

L’Rt risale, ma l’Iss rassicura: “L’epidemia non è in ripresa”

prev
Articolo Successivo

Scuola, sanatoria e crollo dei nati: ecco la “riforma”

next