C’è un documento, e con esso una data, che mette ordine nella miriade di tasselli che compongono il caso Amara e della presunta loggia massonica coperta denominata Ungheria. La data è quella del 24 aprile 2020. La Procura di Milano scrive al Tribunale di Sorveglianza di Roma, al quale Piero Amara, attraverso il suo avvocato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Ebbi i verbali di Amara a Milano, poi lo dissi al Csm. Tutto regolare”

prev
Articolo Successivo

“Complotto contro Renzi”: Lega, FI e dem ci cascano

next