La consegna dei verbali in cui l’ex avvocato esterno dell’Eni Piero Amara rivela l’esistenza di una presunta loggia Ungheria – ora al centro di un’indagine che ha scatenato un terremoto dentro la magistratura – avvenne a Milano. Lo ha confermato l’ex consigliere del Consiglio superiore della magistratura Piercamillo Davigo ai pm romani che lo hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

“L’avvocato siciliano si è pentito: ci ha fornito elementi importanti”

next