Dagli arresti domiciliari alla giunta nel giro di 15 giorni. Accade in Regione Calabria, dove l’assessore al Bilancio, Francesco Talarico, quota Udc, ha ripreso il suo posto al fianco del presidente leghista Nino Spirlì dopo tre mesi di arresto. Una vicenda paradossale resa possibile dal fatto che a fine gennaio, quando per Talarico scattò la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mascherine, altri sequestri della Gdf. S’indaga per truffa

prev
Articolo Successivo

L’anti-Casellati: il Presidente austriaco viaggia sui treni di linea

next