La partita – l’intera partita – è molto più delicata di quanto possa apparire. Quella della Procura di Roma, avviata prima da Milano e Perugia (guidate da Francesco Greco e Raffaele Cantone) non è infatti una banale inchiesta su una fuga di notizie riservate e sulla circolazione di verbali d’interrogatorio secretati. A renderla incandescente sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dossier al Csm: Davigo avvertì il Quirinale, come i pm della P2

prev
Articolo Successivo

Lavoro a distanza, lo scontro del futuro

next