La Grecia ci riprova: senza molte speranze, ripresenta alla Germania il conto di riparazioni di guerra per 289 miliardi di euro. C’è dentro il rimborso d’un prestito forzoso erogato dalla Grecia occupata dal Terzo Reich. Atene non pretende indietro tutta la somma: si accontenterebbe di avviare negoziati con Berlino sull’entità delle riparazioni e le modalità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Nella guerra dei “cafoni”, Michel (Ue) batte Erdogan

prev
Articolo Successivo

Macché Nuovo Rinascimento: “Quei diritti negati in Arabia”

next