Il 1976 è l’anno dello scandalo Lockheed, che coinvolse i vertici delle istituzioni, e quello in cui per la prima volta in Italia si parlò di regolamentare le attività di lobbying, dei cosiddetti portatori di interesse che si interfacciano con la politica per indirizzarla verso gli interessi che rappresentano, siano essi più o meno utili […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Leonardo, un assassino maledetto per fiction: era proprio necessario?

prev
Articolo Successivo

I luoghi di caccia: dal Transaltantico fino al ristorante…

next