C’ è un nemico invisibile nelle politiche climatiche che si aggira nelle segrete stanze del Consiglio a Bruxelles e che sarà presente come una spada di Damocle nelle riunioni dei ministeri per il Recovery plan: il Trattato sulla Carta dell’energia. Retaggio dell’epoca post sovietica, l’Energy charter treaty (Ect) è entrato in vigore nel 1998 per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Entra Palombelli esce Alan Friedman. Rai: di tutto, di più

prev
Articolo Successivo

Arbitrati: la roulette russa che ha privatizzato il diritto

next