Il governo Draghi contiene una triade al suo interno che ne costituisce il cemento politico. Il presidente del Consiglio, il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, e quello per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, compongono infatti la tolda di comando del Recovery plan prossimo venturo (in italiano, Piano nazionale di ripresa e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Cassese non sta nelle pelle: “È roba mia”

prev
Articolo Successivo

Il leopoldino attira-fondi (ma non ha saputo usarli)

next