Magari è solo mitomania. O magari è la voglia irrefrenabile di lasciare tracce. Fatto sta che per la contentezza Sabino Cassese non si è tenuto. L’ex giudice costituzionale, principe degli amministrativisti e voce ascoltatissima di quel che resta dell’establishment italiano, dopo aver passato gli ultimi mesi a bombardare il governo Conte si è sfogato ieri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Franco e la lettera della Bce: il governo è nato dieci anni fa

prev
Articolo Successivo

Recovery fund: ecco la triade che gestirà i miliardi “europei” nel nuovo governo Draghi

next