Chiusi negozi e fermati i reparti, a batter cassa sono le fondazioni. Di ogni genere, scopo e natura. Vere e presunte, meritorie o meno che siano. In cima alla lista svettano il Monte Tabor di Don Verzé, in liquidazione da 10 anni, e quella di Mario Mantovani, il ras della sanità lombarda arrestato nel 2015 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Welfare più universale, ma sui costi si dovrà trattare con Confindustria&C.

prev
Articolo Successivo

Furbastri&bonus, verdetto in arrivo: l’Inps rivuole i soldi

next