Morto di polmonite, d’asma o di problemi renali. Questa pare sia la fine spettata ad Ayman al-Zawahiri, 69 anni, leader di Al Qaeda, numero due di Osama bin Laden, che prese il testimone nel 2011, dieci anni dopo gli attentati dell’11 settembre, quando il nemico numero uno dell’America venne eliminato nel suo covo in Pakistan […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

“Altro che star dell’Nba: con un ‘no’ al regime a Minsk ti giochi la vita”

prev
Articolo Successivo

Bashagha vuol essere premier: dopo Ankara s’ingrazia Parigi

next