Il 10 settembre, parlando del Recovery Fund alla Scuola di Politiche di Enrico Letta, il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini si diceva “abbastanza sicuro che ci saranno molte strategie importanti di sviluppo sul turismo e la cultura”. In quel momento, sul tavolo del ministero erano già ammucchiati centinaia di progetti preliminari: poco dopo, ne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Interrogazione bendata e cinema chiusi: pazze cronache di tempi virali

prev
Articolo Successivo

Nuove assunzioni, meno outsourcing: iniziative dal basso

next