Totò Cuffaro è tornato. Due volte presidente della Regione Siciliana, due volte senatore, condannato a sette anni di carcere per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra e rivelazione del segreto d’ufficio, Cuffaro vuole scoprire fino a che punto può spingersi il diritto all’oblio. Cinque anni dopo essere uscito dal carcere di Rebibbia, si è messo in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Consegne etiche”: i rider alternativi allo sfruttamento

prev
Articolo Successivo

L’Enel sotto ricatto per un furto di dati. Chiesti (invano) 14 milioni per “riaverli”

next