Dopo un anno di accelerazioni e frenate, scontri palesi e accordi sottobanco, la famosa riforma dello Sport rischia di essere finita su un binario morto. Nelle intenzioni del ministro Vincenzo Spadafora avrebbe dovuto rivoluzionare il movimento. Il problema è che lo farebbe troppo. Così almeno la pensa il Dagl, il Dipartimento per gli Affari giuridici […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il ddl Costa ancora fermo: lo bloccano renziani e dem

prev
Articolo Successivo

Atlantia chiede più soldi, ma dovrà rivedere il piano di Aspi

next