“Assenza di ogni sentimento di compassione e pietà verso il prossimo”. Così la Procura di Lecce ha definito la personalità di Antonio De Marco, aspirante infermiere di 21 anni, accusato del duplice omicidio di Eleonora Manta e Daniele De Santis, uccisi lunedì 21 settembre con 60 coltellate nel loro appartamento nel capoluogo salentino. Ha pianificato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

Popolare Bari, nuovo arresto per Jacobini jr

next