“Nessuna provocazione, solo una maggiore tutela per le famiglie, gli insegnanti e gli studenti”. Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, al termine dell’ennesima giornata convulsa sul fronte della scuola, difende la sua ordinanza che prevede l’obbligo di controllo della misurazione della febbre da parte della scuola, oltre a quello a carico delle famiglie, in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Certezze e no: la gimkana della nuova scuola

prev
Articolo Successivo

Salgono i casi, il 28% over 50. “Peggioramento progressivo”

next