Martina è atterrata a Malpensa il 16 agosto scorso dopo una vacanza a Minorca con mamma e amica. In aeroporto ha trovato ad aspettarla solo un modulo col quale le si annunciava che sarebbe stata chiamata dalla Ats entro 48 ore per fare il tampone, provenendo lei da uno dei quattro Paesi a rischio (Spagna, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Regioni in ritardo per la corsa ai tamponi

prev
Articolo Successivo

Pericolo seconda ondata fake news

next