Lo studio delle procedure cognitive, pragmatiche e interpretative della comicità è già una critica delle pratiche dominanti: aiuta a dare significato alle dialettiche della razionalità (quella fra razionalità logica e razionalità analogica, quella fra razionale e irrazionale, quella fra ragione e istinto) con cui le comunità umane costruiscono la propria immagine del mondo, che danno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Vogliamo cambiamenti”: chi la canta va in prigione

prev
Articolo Successivo

In ritardo per l’ora del tè, Miranda sogna nel frutteto

next