La canzone che innervosisce il potere in Bielorussia in questi giorni è stata composta negli anni lontani della perestroika e comincia così: “Invece del fuoco, c’è solo fumo. Invece del caldo, c’è solo freddo”. Se cominci a intonarla per le strade di Minsk puoi finire in galera, ma esiste da quando il leggendario Viktor Tsoi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tinello e video: così “Old Joe” si conserva per battere Donald

prev
Articolo Successivo

Come sabotare l’immaginario con la semiotica

next