A guardare dal basso il nuovo Ponte di Genova, inaugurato oggi a quasi due anni dal crollo del Morandi, ci sarà anche il procuratore capo Francesco Cozzi. L’inchiesta sul disastro del 14 agosto 2018 è in mano alla sua procura e ai pm Massimo Terrile e Walter Cotugno: Cozzi fu il primo a escludere l’ipotesi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Per “la Repubblica” 2.0 i ribelli neri sono l’Isis

prev
Articolo Successivo

“Sembriamo l’Ncd: ora basta con la guerra a Casaleggio”

next